Vetrinista, cosa fa?
Concept store
Concept store, di cosa si tratta?
19 Gennaio 2018
le vetrine più belle del mondo
Le vetrine più belle del mondo
22 Gennaio 2018

Vetrinista, cosa fa?

Corsi vetrinista

La preparazione del vetrinista è molto complessa e mirata e per questo è necessario seguire un percorso di formazione specifico. I corsi da vetrinista preparano i futuri professionisti che saranno in grado di ideare, realizzare ed ordinare l’allestimento di spazi commerciali, espositivi e di vetrine. Solitamente i corsi da vetrinista si strutturano in alcuni moduli: il primo è dedicato di norma all’allestimento merceologico, mentre il secondo all’allestimento grafico. Si passa poi ad imparare le tecniche del visual merchandising, all’ideazione di spazi espositivi specializzati quali eventi o stand ed infine si realizzano prototipi di moduli espositivi. Non mancheranno inoltre cenni sul marketing e la comunicazione pubblicitaria e visiva per fornire al vetrinista una panoramica completa del settore lavorativo.

Vetrinista lavoro

Il vetrinista è un professionista della comunicazione visiva che si è specializzato in particolare nel realizzare gli allestimenti di negozi, vetrine e spazi espositivi. Il suo compito è quello di curare e progettare a disposizione dei prodotti in modo da valorizzarli. Così il lavoro del vetrinista contribuirà a definire l’immagine dell’azienda per cui opera. Per questo egli seleziona tutti i materiali più adatti alla realizzazione dell’allestimento e dell’arredamento di vetrine, stand fieristici e negozi. Inoltre il vetrinista sceglie la disposizione ottimale dei prodotti ed è in grado di eseguire rappresentazioni grafiche che saranno poi sottoposte al vaglio del responsabile del punto vendita o del committente in questione.

Vetrinista e visual merchandising

Il vetrinista ha a che fare con tutto ciò che viene racchiuso nelle parole visual merchandising. Si tratta dell’insieme delle operazioni mirate a collocare il prodotto all’interno del punto vendita. Queste devono essere in piena e totale sintonia con la strategia commerciale su cui è improntato il negozio. Il visual merchandising riguarda inoltre la grafica, l’illuminazione, il sistema espositivo e l’ambientazione. Più in generale si può dire che esso ha a che fare con l’atmosfera prodotta dagli stimoli sensoriali che il prodotto è in grado di indurre nel cliente per attirarne l’attenzione e dunque migliorare le vendite. Tutto deve essere ben visibile con uno sguardo, bisogna utilizzare suoni o musiche che rappresentino la filosofia del brand ed impiegare fragranze mirate. Infine è fondamentale abbattere la barriera tra consumatore e produttore, permettendogli di “toccare” la merce.